Vivigratis logo
Facebook logoYoutube logoFlipboard logo
Tecnologia • Le migliori macchine fotografiche mirrorless
Condividi
Whatsapp logo
Telegram logo
Pinterest logo

Le migliori macchine fotografiche mirrorless

Fino a qualche anno fa rappresentavano il futuro, ora sono entrate definitivamente a far parte del mercato fotografico odierno, corteggiate da amatori e professionisti: stiamo parlando delle macchine fotografiche mirrorless. Se stai leggendo questo articolo è possibile che tu sappia già cosa sono le mirrorless. Ti sei innamorato della loro maneggevolezza, hai capito che una fotocamera mirrorless sarà la tua compagna di viaggio ideale questa estate, quando dovrai viaggiare leggero ma con il pulsante di scatto sempre a portata di dito.

Oppure hai letto dei grandi fotografi National Geographic che hanno abbandonato la loro reflex per passare alle fotocamere mirrorless e adesso non tornerebbero più indietro. Anche se non ne sai ancora molto ma ne hai sentito parlare talmente tanto sui forum di tecnologia e fotografia che vuoi metterti al passo, mettiti comodo e preparati alla lettura perché ti propongo un viaggio su tutto quello che ruota attorno a questa piccola rivoluzione tecnologica, sui suoi pregi, difetti e curiosità, su quali modelli preferire tra i tanti offerti dal mercato.

Apriamo una finestra sul mondo delle migliori mirrorless.

Macchine fotografiche mirrorless: cosa sono e come funzionano

Va bene, mi sembra giusto partire dalle basi. Per prima cosa impariamo a distinguere una fotocamera mirrorless da una DSLR.

Una mirrorless è una fotocamera che mantiene un'elevata grandezza del sensore e la possibilità di cambiare gli obiettivi ma, a differenza della DSLR, non presenta il meccanismo dello specchio e il pentaprisma, cosa che permette ai produttori di confezionarle in modo che siano estremamente piccole e maneggevoli. Proprio la loro elevata portabilità le rende molto indicate per la fotografia di viaggio, sport e reportage, perché tenerle in mano o al collo o sfilarle in men che non si dica da una tasca non è un problema.

Lo specchio presente nei sistemi DSLR è quel meccanismo con il quale l'immagine inquadrata dal mirino viene riflessa dentro l'obiettivo: al momento dello scatto questo specchio si solleva fino a conclusione dell'esposizione.

Nelle fotocamere mirrorless, invece, la luce non colpisce il mirino ma direttamente il sensore. Se hai ben capito come funziona va' da sé che una mirrorless non può essere dotata di un mirino ottico, in grado di vedere esattamente quel che vede l'obiettivo, però può essere equipaggiata con un mirino elettronico, il quale è fondamentalmente un display. Una fotocamera mirrorless si differenzia, invece, da una compatta (come anche dalle "bridge", fotocamere che permettono di intervenire sui valori di esposizione) perché è possibile cambiare gli obiettivi modificando così la lunghezza focale, le occasioni di scatto e molte altre cose che camminano di pari passo con gli obiettivi.

In breve, ad oggi, le fotocamere mirrorless:

  • sono in grado di restituire una qualità d'immagine paragonabile alle reflex;
  • sono più portabili di una reflex perché più piccole e leggere;
  • possono montare un mirino elettronico in grado di equiparare quello ottico.

Tutti questi aspetti positivi e i miglioramenti che sono stati fatti negli ultimi anni hanno di fatto reso sterile il dibattito se sia meglio una reflex o una mirrorless. Non solo le epoche storiche, ma anche quelle tecnologiche vivono spesso di contrasti e dicotomie e propendere per l'una o l'altra cosa è spesso solo un fatto di esigenze personali.

Le fotocamere mirrorless e l'evoluzione del mercato

Paradossalmente non è stato nessuno dei due colossi della fotografia - non Canon e non Nikon- a tirare fuori dal cappello questi gioiellini tecnologici. È toccato invece a Epson, leader nel mercato delle stampanti: nel 2004 ha creato la RD1 con obiettivi intercambiabili e un sensore APSC da 6 mega pixel. Il modello offriva una qualità d'immagine eccezionale ed ebbe un discreto successo nonostante sfiorasse il prezzo di 3000 dollari. Ma alla fine il suo mito tramontò, scalzato da modelli in grado di garantire anche l'autofocus e l'esposizione automatica. Quel che è certo, però, è che da quella storica data qualcosa è cambiato per sempre nel mercato delle macchine fotografiche digitali, scaldando gli animi dei consumatori, attirati dalla novità tecnologica e di tutti gli altri produttori che dovettero mettersi al passo.

Arrivò seconda, infatti, Leica con la serie M8, poi seguita da Ricoh, Olympus e Panasonic (la Lumix GX8 è il modello Panasonic più venduto, dotato di una splendida stabilizzazione d'immagine). Alla fine anche Canon e Nikon hanno proposto i loro modelli di macchine fotografiche mirrorless, ma la seconda ha avuto qualche problema per avere usato sensori molto più piccoli della concorrenza e si è quasi ritirata dalla gara. La serie Alpha della Sony è probabilmente oggi la fotocamera mirrorless più venduta di tutti i tempi, una sorta di porta bandiera della categoria. Mentre, infatti, Canon e Nikon hanno preferito dedicarsi al mercato delle reflex, Sony ha investito moltissimo in ricerca e sviluppo per le fotocamere mirrorless, conquistando uno spazio da leader nel settore, accanto a Fuji e agli altri produttori di cui ti ho parlato fin'ora. Sono quindi questi i brand a cui devi fare riferimento per acquistare la tua prima fotocamera mirrorless.

Mirrorless full frame

Le migliori macchine fotografiche Mirrorless full frame
Le migliori macchine fotografiche Mirrorless full frame

Se ancora non lo sai la grandezza del sensore è una delle cose più importanti da valutare quando si acquista una nuova macchina fotografica digitale. Il sensore è quel rettangolino foto sensibile sul quale la luce viene convertita in elettroni: è qui che nasce la fotografia, l'immagine. Più grande è il sensore maggiore è la qualità d'immagine. I sensori più grandi sono, appunto, i così detti "full frame", che ricalcano la pienezza del fotogramma della pellicola, seguiti dai sensori APSC e dai quattro terzi. I primi modelli di fotocamere mirrorless, non pensate per i professionisti e nemmeno per i foto amatori più esigenti, montavano sensori APSC o quattro terzi. Da alcuni anni sono invece arrivate sul mercato mirrorless full frame e di medio formato. Naturalmente non è affatto detto che tu abbia bisogno di un sensore full frame, perché esistono mirrorless molto valide con sensori più piccoli e comunque molto performanti, adatti al divertimento e all'uso non professionale.

Ti propongo comunque qui di seguito alcuni modelli di mirrorless full frame.

Sony Alpha 7

Un grande classico
Sony Alpha 7
Sony Alpha 7

Sony

Fotocamera digitale compatta con obiettivo intercambiabile

Vai al negozio

Sony Alpha 7 è una fotocamera digitale con obiettivo intercambiabile e sensore CMOS full frame da 24,3 mp. Sceglierla è forse il modo migliore per entrare nel mondo delle mirrorless (è uno dei modelli in assoluto più venduti) e anche i videomaker resteranno soddisfatti dalle sue prestazioni.

Leica M10

La mirrorless dal design vintage
Leica M10
Leica M10

Leica

Mirino ottico e sensore full frame

Vai al negozio

La Leica M10 propone un ottimo equilibrio da tradizione e innovazione. È possibile cambiare valori ISO, tempi di posa e diaframmi anche con la fotocamera spenta. Irresistibile l'estetica vintage.

Sony Alpha A7R III

La migliore mirrorless full frame
Sony Alpha 7M3
Sony Alpha 7M3

Sony

Mirrorless full frame

Vai al negozio

Secondo alcuni è la migliore mirrorless full frame esistente, ma anche la migliore fotocamera digitale che si possa acquistare in questo momento. Il sensore è da 42,4 megapixel, la sensibilità ISO tra 100 e 32.000 e può scattare a raffica di 10 fps. Registra video in 4k e ha 15 stop di gamma dinamica. Il prezzo è elevato, ma stiamo parlando della regina della categoria.

Migliori mirrorless per tutte le tasche

Migliori mirrorless per tutte le tasche, prezzi e performace

Fujifilm X-T2

La migliore mirrorless APSC
Fujifilm X-T2
Fujifilm X-T2

Fujifilm Italia S.p.A.

Fotocamera mirrorless da 24 megapixel

Vai al negozio

Compatta e molto leggera, in lega di magnesio. Il corpo è tropicalizzato e può quindi subire una moderata esposizione alle intemperie. Il mirino elettronico è ampio, luminoso e veloce. Il sistema di messa a fuoco con motore a 325 punti è a rilevamento di fase e contrasto. Ottima l'autonomia e ampia la personalizzazione.

Canon Eos M3

La migliore Canon mirrorless di fascia media
Canon EOS M3
Canon EOS M3

Canon Italia S.p.A.

Fotocamera con Obiettivo EF-M 15-45 mm, 24.2 MP

Vai al negozio

Ottima ergonomia e qualità d'immagine, display orientabile. È dotata del potente processore DIGIC 6 che offre un ottimo contenimento del rumore ad alti ISO. Con questo modello Canon ha corretto la messa a fuoco troppo lenta delle mirrorless precedenti: la M3 monta un sistema autofocus a 49 zone. Purtroppo è priva di mirino elettronico ed è necessario inquadrare dallo schermo LCD.

Fujifilm X -H1

Mirrorless dedicata ai videomaker
Fujifilm X-H1
Fujifilm X-H1

FUJIFILM

Fotocamera mirrorless da 24 megapixel con obiettivo intercambiabile

Vai al negozio

Prodotto di fascia alta pensato per chi cerca alte prestazioni soprattutto per i video. Dotata di schermo superiore che ricorda le impostazioni di scatto e di un'eccellente stabilizzazione d'immagine sul sensore a 5 assi, che permette di guadagnare fino a 5,5 stop.

Nikon 1 J5

Mirrorless Nikon di fascia bassa
Nikon 1 J5
Nikon 1 J5

Nikon

Mirrorless Nikon a ottiche intercambiabili

Vai al negozio

Una mirrorless da grandi numeri considerato che appartiene alla categoria delle mirrorless più economiche. Sistema AF con 171 punti, raffica di scatti fino a 60 fps e video in 4k con modalità hdr ne fanno una fotocamera che coniuga prestazioni elevate e prezzo decisamente democratico.

Panasonic GH5

Panasonic Lumix G DC-GH5
Panasonic Lumix G DC-GH5

Panasonic Italia

20,3 megapixel e video in 4k

Vai al negozio

È una mirrorless micro quattro terzi con autofocus personalizzabile. Dotata di mirino elettronico, offre 225 punti di messa a fuoco e produce file JPG già ottimi per la stampa senza bisogno di troppa post produzione.

Canon Eos M10

Mirrorless Canon di fascia bassa
Canon EOS M10
Canon EOS M10

Canon

Fotocamera Mirrorless con Obiettivo EF-M 15-45 mm, 18 Megapixel

Vai al negozio

Si tratta di una mirrorless di fascia bassa, dal prezzo molto allettante. Ottima per essere portata in viaggio grazie al design super compatto, la Canon Eos M10 ha un sensore da 18 megapixel e un sistema di messa a fuoco a 49 punti. Disponibile con kit obiettivo 15-45 mm oppure con anello adattatore per montare altre ottiche.

Olympus E M5 Elite

Mirrorless di fascia intermedia
Olympus E-M5 Elite
Olympus E-M5 Elite

Olympus

Fotocamera mirrorless con obiettivo 12-50 mm

Vai al negozio

Ha un sensore micro quattro terzi da 16, 1 megapixel. Il display è touch screen e inclinabile, con monitor OLED per il mirino. La messa a fuoco è piuttosto rapida, anche se le immagini risultano un po' morbide, soprattutto quando si usa lo zoom.

La tua prima mirrorless: guida all'uso

Se hai già usato una fotocamera digitale non troverai molte differenze nell'uso della mirrorless. In realtà l'unica vera differenza è il fatto che non puoi comporre utilizzando il mirino, ma dovrai imparare a farlo dal display. La macchina fotografica non viene portata quindi all'occhio, ma si osserva la scena dallo schermo LCD. Come già detto alcuni modelli montano, tuttavia, un mirino elettronico che, grazie a dei sensori di prossimità, si attiva all'avvicinarsi dell'occhio. Questi congegni comportano un dispendio di batteria, ma questo sarà un piccolo prezzo da pagare per chi proprio non riesce a fotografare guardando lo schermo.

Un altro punto sul quale potresti notare delle differenze nell'uso della macchina fotografica è la messa a fuoco, perché il sistema automatico usato nelle mirrorless è diverso dalle reflex. In queste ultime succede che un microprocessore comunica la distanza tra la macchina fotografica e il soggetto nell'inquadratura e stabilisce in pochi millisecondi il piano di messa a fuoco ottimale. Nelle mirrorless invece, soprattutto nel caso dei primi modelli, si ricorreva al sistema basato sul contrasto, molto poco affidabile e praticamente impossibile da usare su soggetti in movimento. Devi però tenere presente che, ad oggi, molti modelli di mirrorless montano un sensore nel quale diversi centinaia di pixel sono stati dedicati all'AF a rilevamento di fase. Insomma allo stato attuale secondo alcuni le mirrorless hanno raggiunto un sistema di messa a fuoco automatico del tutto paragonabile alle DSLR della stessa fascia di prezzo.