Le migliori cuffie AKG

Margherita Zobel | | 6 minuti di lettura

Amanti della musica, gamer appassionati, produttori discografici, dj: tutti sappiamo quanto è importante il fattore qualità per riprodurre i suoni che amiamo in maniera fedele e avvolgente.

Il produttore austriaco AKG, già leader indiscusso nella produzione di microfoni, è uno dei marchi più richiesti anche in ambito headphones. La sua qualità indiscutibile, infatti, lo rende uno dei brand di punta. Questo perché è in grado di restituire un suono eccellente anche per le orecchie più esigenti. Senza mai rinunciare al comfort, indispensabile, specie per chi ne fa un uso prolungato.

Tuttavia spesso, scegliere le migliori cuffie e le più adatte, non è semplicissimo. Sono diversi i fattori da tenere in considerazione. Auricolari o cuffie? Cuffie in ear, on ear oppure over-ear? Aperte, semi-aperte o chiuse? In questo articolo ti forniremo tutti i dettagli per scegliere le migliori cuffie AKG, suddivise per tipologia e tipo di utilizzo.

Tipologie di cuffie

Il primo parametro da tenere in considerazione è la forma. In base a questa possiamo suddividere le cuffie in due macro-categorie:

  • Auricolari
  • Cuffie

Auricolari

Le auricolari sono le più piccoli esistenti in commercio. Si dividono in due tipologie:

  • Tradizionali
  • Intrauricolari (In-ear)

Entrambe leggere e portatili sono perfette per chi predilige comfort e minimo ingombro. Ovviamente la qualità di riproduzione del suono è inferiore rispetto ad altre categorie, specie per le basse frequenze. Per questo difficilmente vengono scelte per un utilizzo professionale. Tuttavia, rispetto alle tradizionali, poco ergonomiche e con scarso isolamento dall'ambiente circostante, le in-ear garantiscono una migliore resa del suono. Questo grazie alla copertura in silicone che le rende più comode e maggiormente isolate dai suoni circostanti.

AKG Y23U: La potenza più piccola e più leggera.

Qualità da studio, nonostante la compattezza ultra-small. Disponibili nelle tonalità Nero, Rosso e Azzurro, questi auricolari in-ear dispongono di microfono e controllo remoto a un 1 pulsante universale che le rende compatibili con dispositivi iOS e Android. Ideali per ascoltare musica, ricevere ed effettuare chiamate.

AKG N40: alta risoluzione e suono configurabile.

Senz'altro una delle migliori cuffie in ear akg in commercio. Grazie ai 3 filtri permette di modulare le frequenze basse, medie e alte a proprio piacimento e direttamente nell'orecchio. L'acciaio inossidabile garantisce una lunga durata, mentre la gomma morbida segue l'anatomia dell'orecchio per il massimo comfort. Inoltre, nell'elegante custodia, sono in dotazione un adattatore di volo, un microfono e un cavo remoto per un perfetto utilizzo on-the-go.

AKG N20 NC: le prime della classe.

Con una qualità del suono di prim'ordine e una tecnologia best-in-class per la riduzione del rumore, le AKG N20 NC sono davvero il top di gamma della categoria in ear. Questi auricolari garantiscono, infatti, una buona risposta sulle basse frequenze (non paragonabile ad altri in ear) e grazie alla cancellazione del rumore permettono di ascoltare musica a livelli di volume non elevati, salvaguardando l'orecchio.

Cuffie

A livello di forma, questa è certamente la categoria più diffusa. Si tratta dei “cuffioni” che tutti conosciamo, con due padiglioni collegati da un arco che circonda la testa. A loro volta, anche questo tipo di cuffie si suddividono in due differenti categorie:

  • Sovraurali o Supra Aurali (On-ear)
  • Circumaurali (Over-ear)

Le prime si appoggiano al padiglione senza avvolgerlo completamente. Sono adatte per chi ha bisogno di cuffie portatili senza rinunciare a una perfetta qualità sonora. Le on-ear, infatti, sono quelle che hanno riscosso maggiore successo di vendita in quanto propongono un ottimo compromesso tra isolamento, fedeltà e comfort. Le cuffie circumaurali o over-ear, invece, sono preferite da chi esige un suono hi-fi e il top delle prestazioni. Il padiglione auricolare viene avvolto completamente, per garantire il massimo isolamento e il suono risulta più spaziale e realistico. Maggiormente ingombranti, sono pensate per prestazioni professionali in studio o a casa.

AKG Y50: le portatili, comode per prezzo e trasportabilità.

Design leggero e resistente. Questo modello supra-aurale con cavo rimovibile e controllo remoto microfono/volume è la scelta ideale per chi è sempre in movimento. La cuffia con design chiuso, inoltre, riduce notevolmente i rumori dell'ambiente.

AKG K271 MKII: il must delle over-ear da studio.

Nonostante il prezzo ridotto queste cuffie circumaurali sono ancora le preferite di tantissimi producer. Anche senza l'utilizzo di amplificatori, infatti, garantiscono un suono pulito e netto grazie a delle invidiabili caratteristiche tecniche: Sensibilità 104 dB SPL/V, Frequenza di risposta da 16 a 28.000 Hz, Potenza nominale 200 mW.

AKG N60Nc: le circumaurali pieghevoli.

Prime della classe non solo per la qualità audio e per l'eccellente tecnologia di cancellazione del rumore. Grazie al cavo rimovibile e al meccanismo pieghevole con asse 3D, potrai ripiegare le tue cuffie e portare un autentico sound da studio dove vuoi tu!

AKG N90Q: l'ultima frontiera.

Probabilmente fuori budget per molti di noi, comuni mortali. Ma valeva la pena parlarne! Ispirate al produttore Quincy Jones, vincitore di ben 29 Grammy Awards, queste cuffie binaurali rappresentano l'apice delle performance acustiche. Grazie a un'accurata tecnologia di cancellazione del rumore e di auto-calibrazione e a dei controlli situati sul padiglione, permettono di calibrare il tono e di ottenere una precisissima riproduzione del suono. Tre modalità di ascolto, inoltre, consentono di scegliere tra Standard”, “2.1 Studio” e “5.1 Surround Sound”.

Carico acustico

Le migliori cuffie AKG: il modello AKG N90Q

Sia le on-ear che le cuffie over-ear sono disponibili in modelli aperti, semi-aperti e chiusi a seconda del carico acustico.

Le cuffie aperte isolano poco dall'ambiente circostante. Ciò significa che alcuni rumori esterni potranno interferire e che le persone attorno a noi potrebbero sentire la nostra musica. Tuttavia molti estimatori le prediligono perché in grado di conferire più spazialità al suono, rendendolo maggiormente realistico.

Le cuffie chiuse restituiscono una percezione più intima del suono, grazie al maggiore isolamento. Hanno una naturale esaltazione delle frequenze basse e sono perfette per i luoghi rumorosi. Per questo sono generalmente preferite dai dj e meno da chi lavora in studio, in quanto il suono risulta soggetto a risonanza e quindi meno fedele.

Le semi-aperte uniscono le peculiarità di entrambe e sono considerate, da molti, un ottimo compromesso.

AKG K240 MKII: on-ear aperte da studio.

Uno standard del settore. Caratterizzate da design supra-aurale, le K240 sono tra le migliori cuffie aperte AKG per qualità e prezzo. Con una Frequenza audio 15-25.000 Hz, Sensibilità 104 dB SPL/V e Impedenza nominale di 55 Ohm, garantiscono un suono sempre nitido e brillante.

AKG K550 MKII: chiuse ma aperte.

Se cerchi una qualità da sistema hi-fi, senza rinunciare alla fedeltà del suono, queste sono perfette per te. Le AKG K550 MKII, infatti, garantiscono un ottimo bilanciamento tra la capacità di isolamento tipica delle cuffie chiuse e un suono ampio e dimensionale da cuffia aperta.

AKG K141 MKII: dinamica, sovraurale, semiaperta.

L'ultima evoluzione del modello K141, una delle cuffie più utilizzate negli studi di registrazione di tutto il mondo. Grazie ai suoi trasduttori xxl da 30 millimetri con tecnologia 'varimotion', è in grado di restituire un'ampia gamma dinamica, oltre a una maggiore sensibilità e a un livello di uscita superiore da 200 mw.